Hamburger di strolghino, Bun handmade, Spinacino e Raspadüra

Donne! È arrivato lo strolghino! Nell’hamburger…

Sapete che ormai l’Hamburger è diventato un piatto tipico milanese, vero?!
Bene.

Non sto qui a consigliarti i migliori posti in città – anche perchè sarebbe tutto troppo soggettivo e non ci troveremmo d’accordo – però posso dirti questo:

A conti fatti, il miglior panino con la svizzera è quello che ti prepari a casa.

Con le tue belle manine sante.

A questa parte ci arriveremo sicuramente, ma tra qualche post.

Per il momento, la nostra preoccupazione era quella di farcire al meglio i due Bun rimasti dalla prima sfornata.

I primi due, come sai, li avevamo provati con il Pastrami di tacchino – ed è venuta una cosa molto interessante – con questi ultimi abbiamo preferito dedicarci al classico, vecchio, Hamburger.

Per farla breve, che in questa vita abbiamo tutti fretta, la scelta è capitata sull’Hamburger di Strolghino – ricavato dalle rifilature magre del culatello e del fiocco di prosciutto – de La Granda, acquistato da Eataly.

Vista la piega tutta italiana che stava prendendo il piatto, abbiamo deciso di chiudere in bellezza con Spinacino e Raspadüra.

Olè.

scheda-hamburger-strolghino

Lo Strolghino, saporito ma non stucchevole, si accompagna perfettamente alla dolcezza della Raspadüra che, scaldandosi, sprigiona un aroma più intenso, ma mai esagerato. Mentre lo Spinacino ha l’importantissimo compito di riportarci tutti sulla Terra, mixando i sapori senza che questi spingano le papille troppo in orbita.

 

Say Something